Daniel Radcliffe è noto per aver scelto di dedicarsi a piccoli film indipendenti dopo il successo avuto con Harry Potter.
Tra le sue opere passate figurano “Horns” e “Swiss Arm Man”, dando prova su entrambi della sua abilità come attore, e più di recente, Jungle, un film d’avventura drammatico e biografico per cui questo mese ha ricevuto un premio. Daniel interpreta Yossi Ghinsberg, un turista israeliano che si perde nella giungla della Bolivia e che dovrà lottare per la sua sopravvivenza senza aver alcuna possibilità di aiuto o salvataggio.

Daniel ci ha anticipato di come il film sveli in parallelo anche la bellezza del percorso straordinario fatto da Ghinsberg, aggiungendo che:
La cosa più bella del mio lavoro è che sono in una posizione in cui non devo fare le cose a meno che non voglio farle, e non ci sono molti attori così fortunati da trovarsi in quella situazione. Ho la possibilità di andare a fare cose che amo, a volte anche strane e diverse, e cose a cui sono davvero appassionato, e questa è una posizione molto rara per un attore.”
Daniel ci confida di aver affrontato un bel po ‘di conflitti interni dopo la fine dei film di Harry Potter, ma invece di lasciarsi andare ha continuato ad investire sulla sua carriera di attore studiando ed aprendosi a nuove competenze al fine di trovare nuovi progetti:

Penso di essere sempre più attivo nelle scelte per la mia carriera e nel cercare progetti. Una volta che ho trovato ciò che realmente mi attira, vengo interamente coinvolto nello loro sviluppo e mi basta semplicemente premere sull’acceleratore!!
Dopo aver finito di interpretare Harry Potter e per qualche anno, ero un po’ riluttante ad accettare nuovi progetti, pensavo di essere solo un attore e non volevo affrontare altri ruoli al di fuori di quanto già fatto.
Puoi affrontare le cose in questo modo, magari dopo qualche anno arriva un film a cui veramente desideri partecipare, ma le cose non vanno come vorresti perché per qualche ragione le cose cambiano e ti trovi punto e accapo. Questo è già accaduto un paio di volte nel mondo dei film indipendenti da me interpretati, ma se si riesce ad avere un po’ di controllo su un progetto, quello inizia subito a prendere interesse, ed questo è quello che sto cercando di fare.

Abbiamo continuato a parlare di quale dei suoi film sia stato considerato il più sottovalutato (Horns) e il suo interesse a dirigere un film autobiografico su una sua normale giornata. L’intervista non si poteva che concludere in modo scherzoso su come, a nostro dire, non apparirà in nessun film Star Wars ne ora ne mai:

Sarei molto sorpreso se volessero che accadesse. Nella maggior parte dei casi, il regista dice: “Oh, non lo voglio in questo perché ha partecipato ad Harry Potter”, non credo sia un motivo valido per non farmi fare qualcosa, ma quando il progetto per cui tu stai facendo il casting è con una major di franchising, per cui avere qualcuno molto legato da un altro franchising potrebbe essere strano, può portare a molta confusione, come se stessimo facendo un film in cui Harry Potter fa un crossover di Star Wars.

Beh, ognuno può dire la sua, ma noi, miei cari lettori vorremmo sicuramente vedere un crossover con Harry Potter di Star Wars! E mentre aspettiamo quel giorno fatidico, assicuriamoci di controllare Jungle quando sarà rilasciato nei teatri e online il 20 ottobre!

Fonte: Mugglenet.com